....... ..........

BESTSELLER


lunedì 29 agosto 2016

FINANZIAMENTI DELLA COMUNITA' EUROPEA

La prima volta che mi sono occupata di finanziamenti della Comunità Europea poteva essere all'incirca nei primi anni '90. Per fortuna o per disgrazia da diversi anni non me ne occupo più.  In questi tempi di crisi dell'Unione Europea, dove si parla di fallimento di singoli stati, se non del collasso dell'intera Europa mi è tornata una certa curiosità sull'argomento. 

La cosa farà sorridere i più esperti e chi quotidianamente mastica questo pane, ma ognuno ha il suo da fare.

Così, nei ritagli di tempo, eccomi alla ricerca di una bussola che mi aiuti a navigare tra diemila portali, risorse estere, nazionali e locali, siti di associazioni e consulenti; tutti a trattare il magico mondo dei finanziamenti per i più disparati progetti nella speranza di non prendere lucciole per lanterne.


lunedì 6 giugno 2016

NFCI e ANFCI - Indici nazionali sulle condizioni finanziarie degli Stati Uniti

NFCI (National Financial Conditions Index)

L'indice nazionale NFCI (National Financial Conditions Index), e l'analogo regolato ANFCI, sono emessi dalla "Chicago Fed" e forniscono un aggiornamento settimanale completo sulle condizioni finanziarie degli Stati Uniti sui mercati monetari, nei mercati delle obbligazioni e dei prestiti e nei sistemi bancari tradizionali ed in quelli "ombra". 

La Federal Reserve Bank di Chicago è una delle 12 Reserve Banks regionali degli Stati Uniti che, insieme al Consiglio di amministrazione di Washington, servono come la banca centrale degli Stati Uniti.

A causa delle condizioni economiche e finanziarie degli Stati Uniti l'indice NFCI contiene alcuni elementi di valutazione non strettamente correlati all'economia reale per cui viene presentato un indice alternativo regolato che è l' ANFCI.


venerdì 3 giugno 2016

Il Consiglio Europeo della Ricerca e l’agenzia esecutiva

Il Consiglio Europeo della Ricerca (ERC European Research Council), nonostante abbia visto la luce solo nel 2007, ha gettato le basi della sua nascita già nel 2002 quando in molti hanno iniziato a porsi domande sulla necessità di istituire un consiglio di ricerca a livello europeo. Solo in seguito un gruppo di ricercatori danesi è stato chiamato a studiare l’effettiva possibilità di attuazione di un tale progetto.

Il primo vero passo però viene fatto nel 2005 e, nel 2007 avviene il lancio ufficiale con una conferenza a Berlino; obiettivo principale è stimolare e incoraggiare la ricerca in Europa attraverso finanziamenti che si vanno a unire ad altre fonti di finanziamento provenienti dalle agenzie nazionali di finanziamento della ricerca.


martedì 24 maggio 2016

Il Franco Svizzero e l' Indicatore predittivo KOF

Il KoF Leading Indicators indica la tendenza dell'economia e le variazione nella crescita del PIL in Svizzera

Il KoF definisce la salute complessiva dell'economia combinando 12 indicatori relativi alla fiducia del consumatore, alla fiducia delle banche, alla produzione, ai nuovi ordini ed al mercato immobiliare.

Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per il franco svizzero (CHF), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ribassista per il CHF.

I valori del dato possono essere visualizzati nel sito [www.kof.ethz.ch/news/]


martedì 9 febbraio 2016

Andamento Grafico FTSEMIB, dai primi anni 2000 ad oggi.

Sono passati tre, quattro anni da quando ho riportato diversi grafici FTSEMIB a 10 anni, 5 anni, 2 anni, ecc. e nel frattempo le cose non paiono molto migliorate, almeno nel momento che scrivo.

In questi due primi mesi del 2016 il grafico FTSEMIB si sta sgonfiando a velocità incredibile. Quando si parla di Borsa si usa dire che si sale con le scale e si scende con l'ascensore.. 

A fine 2015 ricordo di aver letto alcune previsioni molto rosee riguardo l'andamento del nostro indice nostrano. C'era chi pensava, che nei primi mesi del 2016, avremmo potuto assistere ad un attacco alla resistenza posta in zona 23.000-24.000 punti, per puntare verso l'alto, in un mercato decisamente "toro" .  

Invece è successo quello che in pochi potevano prevedere; nel giro di poco meno di un mese l'indice FTSEMIB ha perso quasi più del 20% del suo valore e da poco più di 22.000 punti oggi siamo arrivati a 16.300 ed al momento è uno degli indici azionari che performa peggio, a livello mondiale.


Società che compongono l'indice FTSE MIB

L'indice di borsa FTSE MIB , è composto da 40 società che rappresentano circa l'80% della intera capitalizzazione di mercato, di primaria dimensione e liquidità appartenenti ai diversi settori del mercato azionario italiano.

La composizione dell'indice FTSEMIB, ad inizio 2016, è piuttosto diversa da quella che era la configurazione dello stesso nel 2012 ( Indice Ftsemib 2012 ) . In particolare la capitalizzazione di ENI si è notevolmente ridotta mentre è aumentata quella di ENEL.   La società Luxottica è entrata tra le prime 5 società capitalizzate e Saipem è scesa in classifica.  Tra le nuove società entrate in quotazione nell'indice FTSEMIB ci sono la FERRARI, YOOX e MONCLER.